Xiaomi ormai ci ha abituato bene difficilmente sbaglia un colpo e con questo Mi Max 2 non è stata da meno. Inusabile con una sola mano, dimensioni esagerate, più un TABLET che uno SMARTPHONE ma c’è anche qualità…

Materiali, Design ed Ergonomia

Xiaomi Mi Max 2 hands on_back

Xiaomi Mi Max 2 non è “MAX” solo nel nome, che sia “enorme” è un dato di fatto. Le sue dimensioni, 174.1 x 88.7 x 7.6 mm di spessore e 211 g di peso, lo rendono inusabile con una sola mano e impossibile da tenere in tasca (a meno che siano “Max” anche le vostre mani e le vostre tasche), scordatevi di utilizzarlo come telefono di tutti i giorni perchè già solo riuscire a tenerlo ben saldo in mano per più di qualche minuto è una vera e propria impresa. Con una gesture è si possibile rimpicciolire il display tra i 4.5″, i 3.5″ ed i 3″ ma è anche vero che la sua mole esagerata va a rendere completamente inutile questa funzione. O si utilizzano entrambe le mani, o la percentuale di caduta è pari al 100% con il rischio di distruggere il pavimento. Il pavimento si, perchè pur essendo enorme non perde in qualità costruttiva, interamente in metallo con due bande in plastica che lasciano spazio alle antenne. Design troppo simile ai vari REDMI, sinceramente ha ormai stancato. Lettore d’impronte centrato in alto sul retro, difficile da raggiungere. Sul lato destro troviamo il tasto di accensione e spegnimento con il bilanciere del volume, mentre sul sinistro solo il cassettino per le nano sim/espansione memoria. I bordi sono parecchio stondati e nell’assurdo facilitano la presa in mano con cornici fin troppo generose che ospitano la cam anteriore, l’altoparlante e i vari sensori, ed i tasti soft-touch retroilluminati.

Display

Xiaomi Mi Max 2 hands on_display acceso

Il display è un 6,44″ LCD IPS “solo” FullHD, su un pannello cosi grande si poteva optare per una risoluzione maggiore ma devo dire che comunque è un gran bel display. Una buona riproduzione cromatica dei colori, nonostante i neri non siano profondissimi, abbastanza luminoso con angoli di visione buoni da permettere di vedere bene, non benissimo, sotto la luce diretta del sole con un sensore di luminosità che funziona adeguatamente. Questo è sicuramente uno dei suoi punti di forza. Una cosa che però non mi è piaciuta è la mancata ottimizzazione per poter sfruttare a pieno un display cosi grande, si poteva implementare un multiwindows e dividere lo schermo in 2, 3 o perchè no anche 4 parti in modo da utilizzare più app nello stesso momento.

Software e Hardware

Xiaomi Mi Max 2_display acceso

Le specifiche tecniche di Xiaomi Mi Max 2 sono degne di nota e lo hanno aiutato non poco a farmi apprezzare questo mattone. A bordo abbiamo un processore Qualcomm Snapdragon 625 octa core fino a 2 GHz, che conosciamo bene per la sua ottima gestione di energia, con GPU Adreno 506 affiancato a 4 GB di RAM e 64 GB di memoria interna espandibili con micro SD (rinunciando però alla seconda sim). Il sistema operativo è in versione Android 7.1.1 Nougat con personalizzazione MIUI 8.5 Global stabile. Cosa significa? Significa che una volta acceso e configurate le impostazioni iniziali il telefono è pronto all’utilizzo senza dover smanettare per installare un firmware con ROM internazionale tra sblocco del bootloader e permessi vari. Accendete, configurate e via! Gira tutto molto bene lo Snapdragon 625 non delude nemmeno su questo Mi Max 2, non ci sono particolari lag o impuntamenti la navigazione web è fluida e non riscontriamo grandi problemi sulla gestione delle app consentendo una piacevole esperienza d’uso.

Grandi assenti l’NFC e la banda 20 (anche se personalmente non ho riscontrato grandi problemi di ricezione, anzi si è sempre comportato abbastanza bene), presente una porta ad infrarossi che pensavo ormai fosse sparita ed i vari sensori di luminosità, prossimità, bussola, giroscopio, accelerometro e LED di notifica. Wi-Fi ac che si connette alle reti da 5 GHZ e Bluetooth in versione 4.2.

Tasti soft-touch retroilluminati e sensore d’impronte posto dietro un pò troppo in alto, difficile da raggiungere date le dimensioni del dispositivo. Senz’altro lo avrei apprezzato frontalmente usandolo come scusa per quelle cornici (ragazzi sono davvero gandi).

Per tutti coloro che hanno due account Facebook, WhatsApp o qualsiasi altra app è possibile clonare l’applicazione ed utilizzarla tranquillamente senza dover switchare tra gli account. Per chi poi ha l’amante e trova delle difficoltà a non farsi scoprire, può stare tranquillo, gli basta attivare il secondo spazio e sarà come avere un secondo telefono proteggendolo con una password o con la propria impronta.

Multimedia

Xiaomi Mi Max 2 hands on_cam-fingerprint

Il comparo audio è di un buon livello, altissimo e stereo: l’altoparlante inferiore riproduce i toni bassi mentre la capsula auricolare quelli alti e vi assicuro che se state giocando o guardando un film sarete immersi nella scena. L’apertura di giochi pesanti non è fulminea ma la fluidità durante il gaming compensa.

La fotocamera principale è una Sony IMX386 da 12 MP con apertura f/2.2 non stabilizzata e un doppio flash LED. Poche impostazioni ma essenziali. Le foto vengono bene di giorno in presenza di molta luce con una buona riproduzione dei colori, definite e di buona qualità. La stessa cosa però non avviene con poca luce dove si vanno a perdere molti dettagli forse anche troppi, ma tutto sommato possiamo accontentarci. Buona anche la fotocamera frontale da 5 MP f/2.0, è nei video che invece sono rimasto non deluso di più! È vero che si può registrare anche in 4K a 30 fps ed il risultato migliora, ma se si registra in FullHD i video sono veramente pessimi, non all’altezza di Xiaomi.

Autonomia

Senza ombra di dubbio oltre al display il vero punto di forza di questo Mi Max 2 sono i 5300 mAh di batteria che sono stati difficilissimi da buttare giù! (grazie anche all’ottima gestione energetica dello snapdragon 625) Con un uso intenso si arriva a 2 giorni di utilizzo, mentre con un uso moderato si possono coprire anche i 3 giorni. Insomma potete tranquillamente dimenticarvi il carica batterie che lui non ne sentirà affatto la mancanza.

Conclusioni

Potete acquistare Xiaomi Mi Max 2 su GeekMall.it ad un prezzo di 265€. Xiaomi sta facendo veramente un ottimo lavoro e lo ha fatto anche con questo Mi Max 2, uniche 2 critiche tralasciando i video, la mancata ottimizzazione del display e l’assenza della banda 20. Criticare le sue dimensioni non ha senso perchè chiunque lo acquisterà dal nome “MAX” non può certo aspettarsi una formica.

Recensione Xiaomi Mi Max 2 andreagaleazzi.com

Nel complesso un ottimo telefono, ma inusabile (causa dimensioni) se non sul divano!!

Recensione Xiaomi Mi Max 2 AndroidWorld.it

Xiaomi mi Max 2 è praticamente una rarità nella sua categoria: smartphone così grossi difficilmente raggiungono il nostro mercato.

Recensione Xiaomi Mi Max 2 TuttoAndroid.net

Ci è sembrato un deciso passo in avanti rispetto al suo predecessore e include tutto ciò che un buon smartphone dovrebbe avere, con un rapporto qualità prezzo di tutto rispetto.

Condividi
Articolo precedenteXiaomi Mi Max 2 Unboxing e prime impressioni
Simone Petripaoli nasce a Rieti il 9 agosto 1989. Appassionato di Tecnologia fin da bambino si accosta ufficialmente a questo mondo quando i nonni gli regalano il suo primo Computer. Da quel momento non potrà più fare a meno di interessarsi a tutto ciò che può essere definito “Tecnologico”, dai PC ai Videogames, dagli Smartphone ai Tablet, dai Wearable ai VR. Complice la passione e la voglia di trasmettere agli altri l’amore per la Tecnologia, nel 2016, grazie all’incontro e alla collaborazione nata con PcNetwork , viene fondato Mobileteck.it.